Lo stress

di Dott. Giovanni Ruggiero · 29 Dicembre 2020

Visto che questo 2020 tra Covid e annessi lockdown, zone rosse e gialle, ci ha ha regalato iniezioni di stress mica da poco, ho ritenuto doveroso scrivere qualcosa sullo stress.

Che cos’è?

Lo stress è la risposta di un organismo davanti alle richieste dell’ambiente in cui vive.

Tu, sei un organismo, l’ambiente è tutto ciò che è fuori dal confine della tua pelle. Si, perché tu finisci con la tua pelle. La pelle è il confine. Tutto il resto puoi considerarlo ambiente.

Quando l’ambiente inizia a pressare con le sue richieste, noi abbiamo il compito di reagire. Ci sono richieste e richieste, stress e stress, intendiamoci.

Le richieste potrebbero avere a che fare con:

non uscire.

Stai in casa.

Non vedere gli amici.

Niente aperitivi.

Niente lavoro

Bollette da pagare

Spesa da fare

Compiti che i tuoi figli e figlie non sembrano avere nessuna intenzione di fare.

Se non trovi soluzioni in grado di fronteggiare tutto ciò, sai cosa succede? Che il nostro corpo inizia a rilasciare cortisolo, il famoso ormone dello stress. Che ha un compito ben preciso: è il messaggio chimico che il tuo corpo legge come “scappa!” oppure “combatti!”

Ma che succede quando le risposte che avrebbero potuto allontanarci dallo stress non sono efficaci, se non addirittura assenti?

L’apocalisse, ecco che succede. Apocalisse emotiva, eh.

Iniziano le emicranie, le insonnie, l’umore si abbassa e l’ansia si alza, sei irritabile, ti viene la dermatite, digerisci male, pressione alta, irritabilità, indebolimento del sistema immunitario.

Dici che non è l’apocalisse?

E dipende tutto dal fatto che il cortisolo continua ad essere troppo, per troppo tempo.

Devi cerca strategie.

Le strategie hanno a che fare con la possibilità di allontanarti dagli stimoli apocalittici, oppure di eliminarli, ma capisci che se chi ti stressa è tuo figlio, direi che questa seconda ipotesi, è da non valutare.

Ma rimane la necessità di allontanarti o di trovare un modo per abbassare il cortisolo.

Allora corri, fai esercizi (tutto quell’ormone serve per preparare il tuo corpo ad un’azione, allora la devi fare, altrimenti l’ormone si accumula, e devi rileggere l’elenco sopra). Fai lavorare i muscoli. Se si stressano loro, stai meglio tu.

Delega compiti, se possibile, ovvio: è un modo per allontanarti da quel tizzone rovente che sai già che ti sta aspettando.

Ce l’hai uno spazio? Bene, sfruttalo per leggere, fare bricolage, puzzle, infilzare coleotteri, incidere coltelli, scolpire pietre, fai qualcosa per te. Da solo.

Balla. Balla tanto e balla forte. I vicini alla peggio penseranno che stai uscendo di senno, ma tanto è quello che succederebbe se tu rimanessi seduto a maledire il covid, la casa, ecce cc.

Ti occupi sempre tu di compiti e zaini per la scuola? Fai fare al tuo partner. E per inciso, se un giorno i tuoi figli dovessero andare a scuola senza fare i compiti, nella giustificazione potresti scrivere “per motivi di salute”. La tua.

Infine sentiti in diritto di romperti le p**le, magari prima di riempirti come un vaso per poi esplodere.

Dott. Giovanni Ruggiero

Contatta l'Autore

Dott. Giovanni Ruggiero

Contatta l'autore