Sconto in fattura, alleato del risparmio

di Lo staff · 11 Febbraio 2021

Cos’è e come accedervi

Anche questo 2021 si apre con numerose possibilità di riqualificazione energetica degli immobili, ottenendo anche un immediato Sconto sulla fattura presentata dal vostro installatore di fiducia.

Iniziamo col dire che gli Ecobonus a disposizione sono tanti e per saperne di più leggi il nostro precedente articolo.

Gli Ecobonus in vigore in Italia sono stati studiati per riqualificare gli immobili già esistenti e far si che si adeguino alle norme europee per la salvaguardia dell’ambiente. Proprio per questo motivo, quando parliamo di Ecobonus, ci riferiamo a impianti già esistenti, perché le nuove costruzioni devono seguire già dei parametri imposti, senza i quali i lavori non vengono realizzati.

La detrazione al 65% è specifica per la riqualificazione energetica, in particolare la sostituzione di caldaia a condensazione, sostituzione pompe di calore,installazione pannelli solari, caldaie a biomasse, scaldabagni elettrici con pompa di calore. Sono annesse anche opere murarie e l’impianto del riscaldamento di distribuzione. In altre parole se io volessi cambiare la caldaia e l’impianto di riscaldamento, magari mettendolo a pavimento, potrei far rientrare anche il massetto e l’impianto completo nel 65%.

La detrazione al 50 % invece è rivolta alla ristrutturazione. Per accedervi è necessaria una SCIA rilasciata dal comune di appartenenza ed  è volta a tutte quelle opere di ristrutturazione dell’abitazione . Può rientrare in questo incentivo anche la sostituzione di caldaie con classe energetica più bassa (A invece di A+), previa comunicazione di manutenzione ordinaria al comune di appartenenza.

Fatta questa breve, ma doverosa premessa entriamo nel vivo dell’argomento che oggi vogliamo trattare, lo SCONTO IN FATTURA!

Lo sconto in fattura è una modalità di rimborso che consente di avere, direttamente sulla fattura del fornitore, uno sconto pari al 50% o al 65% in base all’Ecobonus al quale si ha accesso. Questa soluzione è sicuramente più vantaggiosa e permette un immediato risparmio rispetto alla detrazione fiscale sull’Irpef da “spalmare” in 10 anni.

Vediamo ora come si accede all’Ecobonus e quindi come si ha la possibilità di avere lo sconto in fattura.

Facciamo un esempio concreto, che aiuta meglio a rendersi conto del vantaggio ottenuto.

Se doveste cambiare la vostra vecchia caldaia, sicuramente la domanda che vi assalirà sarà: quanto mi costa? Bene, la spesa a cui andreste incontro compresa di materiale, montaggio, manodopera e pratiche burocratiche si aggirerà intorno ai € 3500. Applicando l’Ecobonus con lo “Sconto in fattura”, l’importo da pagare sarebbe circa € 1250 ottenendo il 65% di sconto immediato.

Speriamo, con questo breve articolo, di esserti stati di aiuto e se vuoi saperne di più ti aspettiamo nei nostri punti vendita di Vasto, Termoli, Atessa, Pescara e Lanciano.

Ing. Gianmarco Acquarola

 

Contatta l'Autore

Lo staff

Vemit Punto Clima
Contatta l'autore